A passo di Walser

Andiamo alla scoperta dei primi colonizzatori dell’alta valle del Lys

L’offerta comprende

Hotel + visite

4 notti dal 24/8/2019 al 21/9/2019 (arrivo sabato o domenica)

Andiamo alla scoperta dei primi colonizzatori dell’alta valle del Lys, che arrivarono dopo l’anno 1000 attraverso il Colle del Monte Moro e il Passo del Teodulo. Di origine alemanna, abitanti in comunità chiuse a quota non inferiore ai 1000 metri, ed in luoghi senza traccia di precedenti popolazioni, si chiamano Walser, parola che deriva da Walliser cioè abitanti del Vallese. I walser, nei loro primi stanziamenti erano per lo più servi della gleba legati ad un feudatario o ad un ordine ecclesiastico, ma presto si resero liberi.

Durante il soggiorno a Gressoney, avrete modo di conoscere da vicino questa antica popolazione attraverso varie attività:

  • visita al Museo Walser a La Trinité, costituito da una casa rurale del ‘700 e una casa museo con mostre permanenti;

 

  • cena a tema Walser, con menu tipico;

 

  • Possibilità di esplorare i villaggi Walser, diversi e facilmente raggiungibili con la loro architettura inconfondibile delle abitazioni edificate in legno e pietra;

 

Alla partenza, potrai salutare nella lingua titsch come un vero gressonaro: Bés z’néschta! (arrivederci)

Walser Ecomuseum

Il Museo è costituito da tre strutture che offrono l’opportunità di un viaggio alla scoperta della cultura dei Walser, un popolo di origini germaniche che in epoca medioevale si stanziò nell’Alta Valle del Lys alla ricerca di nuovi insediamenti abitativi.

Il costume Walser

Quello che noi definiamo con la parola “costume gressonaro”, era l’abito consueto che le donne di Gressoney indossavano normalmente ogni giorno per ogni tipo di lavoro. Naturalmente non così ricco ed ornato come lo è ora, bensì un po’ più corto e disadorno, con la gonna confezionata in panno locale “Landtuech”, con tante pieghe “gére” come nel modello attuale. Anticamente nei giorni festivi era di stoffa pregiata, ma di colore nero, blu o viola scuro e l’attaccatura delle pieghe era più alta.Sulla camicetta bianca, di canapa, le donne portavano un giacchino nero “wòlhemd” e un foulard di seta a colori vivaci.

Pochi secondi… et voilà!

Termini e condizioni

7 + 12 =

© Gressoney Saint Jean – All rights reserved